Botti di Capodanno 2023 | Divieti in molti comuni: multe salatissime fino a 500€

Fuochi-d’artificio (Pixabay)

Quest’anno niente botti per le città d’Italia. Il rischio è grosso, si rischiano multe fino a 500 euro. Ma vediamo nel dettaglio in quali comuni è vietato.

Se negli anni passati, in molti si sono divertiti a lanciare i botti la notte di Capodanno, quest’anno non sarà più possibile. Il rischio non sarà più quello di farsi del male perché pericolosi, ma anche quello di prendere multe molto salate, che faranno poi passare la voglia di festeggiare. Vediamo in quali comuni italiani il divieto è già in vigore e in quali è in arrivo.

Ormai è risaputo che utilizzare i botti sia pericoloso sia per chi li lancia che per chi è vicino. Abusarne, ha reso un piccolo divertimento un vero e proprio pericolo. E’ proprio per questa ragione che da tempo si parla di ordinanze anti-botti, soprattutto per quanto riguarda la notte di Capodanno.

Negli anni si è sentito parlare più e più volte di episodi spiacevoli avvenuti per colpa dei petardi. Oltre ad essere un vero danno per l’ambiente, perché incrementano il particolato nell’atmosfera, essi possono provocare lesioni veramente gravi a chi li utilizza e non solo. Le parti più a rischio sono ovviamente le mani, le braccia, gli occhi, il volto e le orecchie, provocando ustioni fino al terzo grado. Un altro rischio veramente importante è quello che riguarda lo stato d’animo dei nostri animali a quattro zampe.

Purtroppo, gli animali non reggono la pressione e lo stress provocato dal rumore dei petardi e spesso il danno può essere irrimediabile. Nei gatti e nei cani, un petardo provoca stress e spavento al punto tale da fuggire o nascondersi, col rischio di essere schiacciati da una macchina.

La soluzione pensata contro i botti

Per fortuna, molti comuni italiani hanno preso a cuore il problema dei botti di Capodanno, emanando ordinanze per vietarne l’utilizzo. A Milano, ad esempio, non è stato dichiarato alcun divieto. A differenza di Bologna, Bari, Torino, dove sarà severamente vietato l’utilizzo dei botti. Anche Sassari, Viterbo, Palaia (PI), Sassuolo, Modena si sono smosse per emanare ordinanze anti-botti la notte di Capodanno.

A Napoli, invece, è partita un’operazione “Natale Sicuro”, dove la Guarda di Finanza, ha sequestrato 600mila botti illegali. Un traguardo molto importante visto che la città di Napoli e le sue province erano al primo posto sull’utilizzo di botti, fuochi d’artificio, petardi e esplodenti di ogni genere. Ma quali saranno le sanzioni per chi deciderà di farne lo stesso utilizzo?

Botti (Pixabay)

A Viterbo, per esempio, le multe vanno dai 25 ai 500 euro. Sono queste le parole dichiarate dalla sindaca Chiara Frontini: “Provocare rumori tali da disturbare le occupazioni o il riposo delle persone – riporta l’ordinanza – è punito con l’arresto fino a tre mesi o con l’ammenda fino a 309 euro“. Dopodiché ha spiegato: “Provocare in qualsiasi luogo emissioni di gas, vapori o fumo, nei casi non consentiti dalla legge, atti ad offendere o imbrattare o molestare persone, è punito con l’arresto fino a un mese o l’ammenda fino a 206 euro“. Insomma, quello che abbiamo capito è che, più il danno provocato è grosso, più la multa sarà salata.